Attualità di Redazione , 09/04/2021 10:50

Feste di lusso in Brasile, bloccato anche un padovano

Viaggi di lusso in Brasile, le immagini sui social del blitz

E' di questi giorni la notizia dei blitz in Brasile, precisamente in Amazzonia, su una delle barche in cui erano organizzati viaggi di lusso. Le immagini delle feste a bordo di queste navi hanno fatto il giro dei social indignando moltissime persone. 

Due giorni fa la Polizia civile dell’Amazzonia è salita su una delle barche con giubbotti antiproiettili al petto e mitra in mano per un blitz. Le persone sono state fatte scendere e sono state controllate tutte le cabine e gli zaini.

Le immagini degli agenti in azione sono state diffuse direttamente dal Governo dell’Amazzonia, attraverso la pagina ufficiale di Instagram. Nel post si legge “La Polizia ha intercettato, questo martedì, tre imbarcazioni di lusso che hanno tenuto, per almeno cinque giorni, feste clandestine con visite a comunità indigene e lungo il fiume. Circa 60 persone, tra brasiliani e stranieri, sono state portate alla stazione di polizia”.

Tra gli identificati c'è un padovano di 32 anni della Bassa Padovana che ormai da 5 anni vive a Dubai. Il giovane lavora per la società Bella Vita Group, e sembra essere stato tra i promotori di “Amazon Immersion”, la cinque giorni di turismo di lusso che martedì ha subito il blitz della polizia brasiliana. E' molto probabile che ora gli ospiti di queste imbarcazioni verranno indagate per inosservanza delle misure sanitarie anti-Covid.

Al ‘mattino di Padova’ il giovane ha raccontato: “La società con cui collaboro organizza viaggi e party di lusso nel pieno rispetto delle leggi. Quella cinque-giorni di crociera lungo il Rio Negro era regolare: le attività turistiche sono ammesse in Amazzonia, e noi nel caso specifico operavamo con la licenza di un hotel. Prima di imbarcarsi bisognava presentare il Pcr (test molecolare, ndr) e tutti i presenti erano risultati negativi. Il tour prevedeva anche delle soste per vivere qualche ora con le comunità indigene: ci hanno accusato di portar il virus a queste popolazioni, ma oltre a essere tutti negativi al Covid siamo anche ben accolti da questa gente. Portiamo sostentamento, non certamente contagi”.

In Brasile negli ultimi giorni sono migliaia i morti a causa del covid e le immagini che hanno fatto il giro del web hanno scatenato non poche polemiche. Il blitz della polizia è arrivato all’ultimo giorno di crociera racconta il 32enne: “Sono arrivati dopo la denuncia social. Tutto era regolare. Forse qualche trasgressione a livello di assembramento è arrivata al momento delle feste, quando si sono riuniti gli ospiti delle quattro barche. Da qui a dire che siamo degli irresponsabili, però...”. 

Questo tipo di viaggio costa dai 2 ai 5 mila euro. Come in un albergo di lusso.